Portale FAR - E@syInfermieristica Gen. e Assist. di Base I

[ scrivi al docente ]
Registrati!
FAQsSitografia
Garantire la sicurezza a sé e agli altriLa sicurezza in ospedale
La prevenzione della trasmissione dei microorganismi
Le infezioni nosocomiali
La catena delle infezioni
Le fasi della patologia infettiva
Le linee guida per l'isolamento in ospedale
Il lavaggio delle mani
Gli studi epidemiologici
La sanificazione
La pulizia
La disinfezione
La sterilizzazione
La disinfestazione
Lo smaltimento dei rifiuti
La medicazione della ferita chirurgica
La “wound care”Accertamento delle condizioni cardiocircolatorie

Gli studi epidemiologici

Pagine: | 1 | 2 |
| e-portfolio | classe virtuale |

I reparti a rischio

Dagli studi epidemiologici registrati si osserva una sostanziale differenza rispetto all'incidenza delle infezioni nei diversi reparti degli ospedali. reparto a elevato rischio [http://www.sangiuseppearezzo.org/img/sala_operatoria.jpg]Infatti esiste la possibilità di contrarre un'Infezione ospedaliera più elevata negli ambiti in cui siano presenti alcune tipologie di malati o in cui vengano effettuate particolari pratiche diagnostiche o terapeutiche.

Nello specifico possiamo descrivere le situazioni di rischio in base alle seguenti caratteristiche:

  • tipologia dei malati: con condizioni generali critiche, malattie intercorrenti gravi, compromissioni delle difese immunitarie...

  • uso prolungato di presidi sanitari invasivi: cateteri vescicali, cateteri venosi, drenaggi, sondini...

  • trattamenti effettuati: interventi chirurgici, pratiche endoscopiche e bioptiche, uso di antibiotici per periodi prolungati...

Sulla base di questi criteri sono classificati come reparti ad alto rischio infettivo:

  • le sale operatorie
  • le terapie intensive
  • i centri per immaturi
  • i centri per immunodepressi
  • i centri trapianto
  • i centri per gli ustionati
    Copyright 2021 | SCIENZE INFERMIERISTICHE || Ultima modifica: 20/11/2005 16:46:09 | Credits | Responsabilità |