Portale FAR - E@syPedagogia Sperimentale On line

[ Prof. Roberto Trinchero ]
Registrati!
InformazioniSitografia
Logica della ricerca empirica in educazioneStrategie di ricerca educativaIl disegno della ricercaFasi della ricerca educativa
Dal problema di ricerca al quadro teorico
Formulazione delle ipotesi e definizioni operative
La formulazione delle ipotesi
Definizione operativa dei concetti
Gli indicatori
Dimensioni di indicatori
Esempi di indicatori
Il rapporto di indicazione
Il campione di ricerca
La rilevazione dei datiL'analisi monovariata di dati quantitativiL'analisi bivariata di dati quantitativiL'analisi dei dati qualitativiApplicazioni della ricerca educativaLavori degli studenti

Il rapporto di indicazione

| e-portfolio | classe virtuale |

Con questo termine si definisce il rapporto di rappresentazione semantica che sussiste tra concetti astratti con diverso grado di astrazione o concetti astratti ed indicatori empirici.

Ad esempio supponiamo di utilizzare il numero di risposte esatte date ad un test di matematica con 30 domande come indicatore del profitto in matematica dello studente Mario Rossi. La proprietà “numero di risposte corrette” può assumere 31 stati: se assume stato.”10” M.R. ha risposto esattamente a 10 domande, se assume stato “0” M.R. ha risposto correttamente a 0 domande, ecc. La proprietà astratta “profitto in matematica” si vuole che assuma 3 stati: profitto alto, medio o basso. Un possibile rapporto di indicazione sarà: un risultato nel test inferiore a 10 indica in profitto basso, compreso tra 10 e 20 indica profitto medio, superiore a 20 indica profitto alto.

La figura seguente schematizza un possibile modello di qualità della didattica, ed evidenza i rapporti di indicazione ed il livello di astrazione più alto passando dagli indicatori al concetto astratto.

Copyright 2022 | DISEF || Ultima modifica: 15/03/2005 23:36:05 | Credits | Responsabilità |