Miti e leggende di Luca La Grotta (lucalagrotta@infinito.it), Matteo Leonardi (aleonardim@tiscalinet.it), Cristina Merchiori (severnaja@libero.it), Elisa Rossi (elisaros2006@libero.it), Claudia Scaglia (siscla@libero.it).

QUALE EREDITA' CULTURALE LASCIARONO I CELTI?

Nonostante le ripetute sconfitte militari che nel corso dei secoli determinarono la progressiva erosione dei territori abitati esclusivamente dai celti, queste genti lasciarono un segno profondo nella cultura di molte regioni del continente europeo. Talvolta alcuni elementi della cultura celtica penetrarono nella stessa cultura dominante dei popoli invasori, entrando definitivamente a far parte dell'immaginario collettivo di popolazioni di origine non esclusivamente celtica. Un buon esempio, in questo senso, rappresentato dalla fortuna dei miti e delle leggende celtiche, i cui protagonisti, ad esempio esseri fatati come ad esempio i folletti, gli gnomi (il cosiddetto "piccolo popolo"), sono divenuti poi patrimonio comune della mitologia non solo celtica. E si tratta di una fortuna di lungo corso: basti pensare al successo che riscuotono oggi, nella cultura popolare, soprattutto giovanile, i libri di fantasy nutriti di questi personaggi, sulla scia del revival del Signore degli Anelli di J.R.Tolkien. Queste figure fantastiche erano in effetti parte integrante dell'immaginario religioso dei celti, fondato sul druidismo.

   34/41   

Approfondimenti/commenti:

    Nessuna voce inserita

Inserisci approfondimento/commento

Indice percorso Edita
Edurete.org Roberto Trinchero